in Vivere altrove

Dialogo tra un emigrato professionista e un novellino

Hai superato le frontiere da poco. Da poco, soltanto, hai integrato la schiera di noialtri, gli emigrati professionisti, i veterani della vita altrove, con alle spalle dieci anni e più di radici a penzoloni.

 Hai superato da poco le frontiere. Lo si capisce da come ancora ti stupisci di ciò che è per noi ormai normalità assodata. Lo si capisce dal malcelato livore con cui ti affanni a sottolineare i difetti dell’Italia, le sue contraddizioni, le sue arretratezze. L’Italia e le donne. L’Italia e il lavoro. L’Italia e i giovani. L’Italia e la sanità. Ce l’hai con l’Italia perché sai, nel profondo, che mai avresti voluto partire, mai avresti voluto lasciarla e se lo hai fatto è solo per colpa sua. Tu, non avevi scelta. Ami l’Italia ma, dici, è un amore non corrisposto.

Ancora non ti sei presa la briga di conoscere a fondo la storia del Paese che ti ospita. Ancora non sei pronta a criticare la terra che ti accoglie, con un lavoro, un tetto, una possibilità qualsiasi di futuro. Se lo facessi – o piuttosto quando lo farai – ti accorgerai che “Ah, ma la Svizzera e le donne…”, “Ah, ma la Francia e il lavoro..”, “Ah, ma l’Inghilterra e i giovani…, “Ah, ma l’America e la sanità…”.

Noi veterani lo sappiamo, che nessuna terra è all’altezza delle nostre inarrivabili aspettative, delle nostre insaziabili lamentele. Neanche il Canada di Troudeau, pare.

Da poco, pochissimo, hai superato le frontiere. Lo si vede dall’entusiasmo con cui ti applichi ad imparare una nuova lingua, dall’imperturbabilità con cui ti destreggi nei meandri di una nuova burocrazia, dai paragoni continui, assidui, ossessivi, con la tua vita di prima, eterno specchio di ogni futura esperienza che farai. Sei frenetica, scissa tra un prima e un dopo che faranno pace solo tra parecchi anni. Se. Faranno. Pace.

Hai superato le frontiere da poco. E io non posso fare a meno di guardarti con la feroce supponenza di chi sa già cosa verrà dopo, e con la fastidiosa apprensione di chi aspetta paziente il momento in cui capirai la portata del tuo passo.

Pubblicato su La Stampa il 17/3/2017

Qualcosa di più di semplici righe tracciate su una cartina

Poche ore dopo gli attentati di Parigi del novembre 2015, il Presidente francese Hollande dichiarò la chiusura momentanea delle frontiere. Era il primo provvedimento previsto dallo Stato d’emergenza. Ricordo la notte seguente, insonne, tra sgomento e incredulità. Ripristinare i controlli doganali sembrava, in un contesto di massima allerta, l’unica cosa sensata da fare. Occorreva impedire […]