in Vivere altrove

10° è caldo, non freddo

Alessandra è sulla trentina. Conosce perfettamente sei lingue, che, va detto, a Ginevra non è poi questa rarità, e quando la colonnina di mercurio supera i 10°, tira fuori i sandali e mette le calze nel cassetto fino a successiva disposizione. Anche in questo, peraltro, non facendo che adeguarsi allo spirito cittadino. Sarà pure che, malgrado terremoti e febbri suine, gli dei dell’Olimpo hanno finalmente deciso di regalare ai transalpini una primavera decente, ma per quanto mi riguarda, è bastato azzardare un piumino leggero (-10) per la notte e dare di sfuggita uno sguardo alle maglie di cotone ancora ordinatamente riposte nell’ armadio, per precipitare in una rovinosa spirale di catarro-tosse-moccio-mal di gola da cui stento ad uscire. Sono convinta si tratti di una questione di tempra.

Le abitudini meteorologiche del mio nordico paese di adozione restano, almeno per ora, fisiologicamente inarrivabili, almeno quanto i movimenti del bacino che tanto mi ossessionavano quando, ormai qualche anno fa, in Mozambico, cercavo di imparare a ballare la «marrabenta». Unica, ancorché magra, consolazione resta il fatto che, in entrambe le occasioni, ho sempre avuto ben chiaro in testa quale fosse il traguardo, la meta, l’obiettivo. Perché a questo, credo, serve decidere di vivere altrove. A cambiare il proprio punto di vista vedendo che effetto fa. A mescolare le carte in tavola, e scoprire che, forse, se si cambia latitudine, due più due non sempre fa quattro. Che 10° è caldo, non freddo. Che quella parte del corpo inchiodata alle altre quattro vertebre lombari, volendo, può prendere vita. Convinta di ciò, non posso impedirmi di guardare con un certo sospetto i cosiddetti «refrattari». Che, come le tartarughe, cambiano posto, ma si portano le pareti di casa appresso, con la tv sintonizzata sui canali di sempre, grazie al satellite, la testa e il cuore e lo stomaco chiusi in un guscio in cui non c’è spazio per nient’altro. Calzini esclusi.

Pubblicato su “La Stampa” il 7/5/2009.

Scrivi un commento

Commento