Stornelli d'esilio

Articoli, scritti, inchieste, reportage (di Irene Amodei)

Le grandi idee non nascono mai per caso

Trasferta sul lago di Como in occasione di una Conferenza TED, o meglio, TEDx, franchising locale dell’evento «originale». TED sta per Technology, Entertainment & Design, ed è un’organizzazione senza scopo di lucro che riunisce le menti più innovative del pianeta perché condensino in 18 minuti, qualche volta anche meno, «grandi» idee, «degne di essere diffuse ». Scopo dichiarato: «cambiare le abitudini e le vite». In ultima analisi, «cambiare il mondo». Scienza, pedagogia, politica, arte, matematica, economia, diritto. A TED non esiste una materia di cui guru del web, illusionisti, futurologi, maestri d’orchestra, neurologi, tecnologi, oftalmologi o giuristi non siano esperti. Nato negli Stati Uniti a metà degli Anni 80, TED ha rivelato al mondo il primo Macintosh, il primo Cd-Rom. E soprattutto ha creato una comunità di talenti, che celebra l’economia delle idee.

La trasferta sul lago di Como comportava soggiorno in hotel principesco, serata intellettuale a discutere del ruolo dell’incertezza nella conoscenza scientifica e nella quotidianità delle scelte (!) e un marito temporaneamente trasformato in semi-celebrità (era lui una delle menti brillanti invitate a parlare di ricerca scientifica e bosoni). Un’esperienza improbabile e gravida di importanti insegnamenti. Per esempio, che mettere insieme teste diverse e competenze disparate, provando a facilitare un dialogo che porti ciascuno al confine di ciò che tradizionalmente fa, può dare risultati inattesi. Che è possibile progettare a 22 anni e realizzare in famiglia con l’aiuto di padre e nonno e cugini, in modo artigianale, nel sottoscala di casa, una stampante 3D basata su un progetto open source capace di produrre introvabili pezzi di ricambio e qualsiasi altra cosa si abbia la coraggio di inventare. Che si può essere al tempo stesso una regista teatrale, e una serial social entrepreneur che un giorno decide di partire , destinazione California, per trovare i capitali e le risorse necessarie a finanziare una rivista per iPad gratuita per bambini. Che le grandi idee non nascono mai per caso.

Pubblicato su “La Stampa” il 23/11/2012.

Scritto da Irene

il 23 novembre 2012 alle 2:22 pm

Un commento a 'Le grandi idee non nascono mai per caso'

Ricevi i commenti tramite RSS o TrackBack da 'Le grandi idee non nascono mai per caso'.

  1. [...] resto di là, a casa della mia signora. O su TorinoSette, se abitate a Torino e comprate La [...]

Lascia un commento