in Vivere altrove

Un’intercapedine della politica

Ho votato. La busta è arrivata dal Consolato di Lione il 6 febbraio. Il 7 quella debitamente preaffrancata era già in buca. Facile, rapido, ma non direi indolore.

Non ho seguito la campagna elettorale in televisione. Non vedo i canali italiani da otto anni, ormai. Meglio così, mi dicono amici e parenti. È stato uno spettacolo davvero poco edificante. Un’arena di gladiatori assetati di sangue. Ho letto i giornali, ovviamente, seguito gli scambi al vetriolo, le battute convulse, i giochi, le alleanze, le bugie, le promesse solenni. Ho letto i programmi (qualcuno, non tutti). L’ho fatto con partecipazione e distacco, apprensione e reticenza, rabbia e disillusione. Dall’estero, suona tutto un po’ indolente. A volte le voci arrivano ovattate, a volte amplificate, come si facesse parte, nostro malgrado, di un’intercapedine della politica. Bambini un po’ cresciuti, che passano il tempo con l’orecchio attaccato alla porta, ad origliare quello che dicono i grandi, chiusi in cucina a deliberare. Difficile staccarsi di dosso questo senso di inevitabilità, fatalismo e assoluta mancanza di controllo. Che se ci si pensa è esattamente il contrario di ciò che il voto dovrebbe suscitare.

Eppure, in circoscrizioni vaste come Asia, Africa, Antartide e Oceania messe insieme, votano ben quattro milioni e mezzo di persone. Cosa, o meglio, chi votano? Otto parlamentari in tutto. Dodici deputati e sei senatori. Con tanto di preferenza.

La busta sul tavolo del soggiorno, leggo le istruzioni e compio, con più esitazioni del dovuto, il mio diritto e il mio dovere. Poi, mi fermo a pensare. Immagino il bisnipote venezuelano, con nonno italiano, che vota per Senato e Parlamento, come un gioco, perché l’Italia, per lui, è solo un posto esotico, riportato in vita da ricordi lontani. Mai visitato, mai abitato, mai compreso.

l mio voto ha, forse, un senso. Per quanto tempo, però? Ma il suo? Un’intercapedine della politica. Polverosa e incomprensibile.

Pubblicato su “La Stampa” il 22/2/2013.

Scrivi un commento

Commento