in Vivere altrove

Tempo relativo

Liste. A quanto pare sono diventate il nuovo imperativo categorico e in pochi, pochissimi, si sottraggono alla smania tassonomica di compilarne una. I libri più significativi, i film mai dimenticati, i fiori più profumati, le ricette meglio riuscite, le piscine più profonde, i grattacieli più alti. La rivista di climatologica americana «Weatherwise» ne ha creata una dedicata ai dieci posti peggiori in cui vivere, meteorologicamente parlando. La lista, – ad ammetterlo sono gli autori stessi – è arbitraria e sommariamente antropocentrica, ma in questo autunno di piogge e allagamenti, ha se non altro il pregio di aiutare a relativizzare. Un po’.

Il villaggio di Oymyakon in Antartica, con i suoi 500 abitanti, contende al siberiano Verkhoyansk, il palma res di “Polo Nord del freddo”’, avendo registrato – 67,7 gradi Celsius il 6 febbraio 1933 e scendendo regolarmente, tra dicembre e febbraio, a meno 45. L’isola norvegese di Buvet è invece la più remota e inospitale isola del mondo: meno di 50 metri quadri sperduti nell’Oceano Atlantico e ricoperti di ghiaccio ogni giorno dell’anno, senza eccezione. L’erg sahariano, tra tempeste di sabbia, mancanza di acqua e un’escursione termica che passa in poche ore da 0 a 40 gradi è in assoluto uno dei posti più pericolosi per l’essere umano, e si guadagna un ottavo posto sulla scala della sgradevolezza climatica, preceduto dai venti furiosi della Patagonia. Il luogo più caldo della terra è invece Dasht-e Lut, in persiano «deserto del vuoto», nell’Iran centro-orientale: la superficie della terra nel 2005 ha sfiorato i 70 gradi. I ricercatori che lavorano a Summit Camp, una stazione scientifica nel bel mezzo della Groenlandia, a 3200 metri di altitudine, vivono nelle più estreme condizioni climatiche del pianeta. Quarto, terzo e secondo posto spettano alla regione del Karakorum, al confine tra Pakistan e Cina, alla costa Antartica, e ai monti Logan e Saint Elias in Canada e Alaska. A 1500 chilometri di distanza dal Polo Sud, la stazione russa di Vostok ha registrato la temperatura più bassa mai riscontrata sulla terra: ?89.2°, aggiudicandosi così il primo posto sulla lista.

Pubblicato su “La Stampa” il 17 Ottobre 2014.

Scrivi un commento

Commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.